CASA: LA GIUNTA MARONI PRIVATIZZA L’EDILIZIA PUBBLICA!

La legge regionale che la Giunta ha intenzione di approvare in materia di edilizia residenziale pubblica prevede:
a) Dieci anni di residenza in Lombardia per poter richiedere una casa popolare;
b) eliminazione delle assegnazioni per emergenza da sfratto;
c) temporaneità dell’assegnazione di casa popolare;
d) entrata massiccia delle cooperative e del privato sociale nella gestione dell’emergenza sfratti e del patrimonio pubblico;
e) nuovo aumento dei canoni da affitto;
Già questo fa capire che quella che si sta per aprire è una battaglia decisiva per mantenere un ruolo sociale dell’attuale patrimonio pubblico e garanzie minime di tutela sociale per tutti coloro che si trovano in situazione di precarietà abitativa o non riescono ad accedere o a rimanere in un mercato privato dove i costi, malgrado la crisi, continuano e rimanere elevatissimi e insopportabili per un numero crescente di famiglie.
Leggi