RIFONDAZIONE: GIORNATA MONDIALE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO: CONTINUA LA STRAGE!

RIFONDAZIONE: GIORNATA MONDIALE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO: CONTINUA LA STRAGE! Un altro morto sul lavoro! Un operaio è morto precipitando nel vano dell’ascensore durante le operazioni di manutenzione nella sede del ministero egli esteri a Roma.Nemmeno oggi giornata mondiale sulla sicurezza sul lavoro ha avuto tregua la catena senza fine di morti che continua a funestare il mondo del … Leggi

MANIFESTA: INTRODURRE DEFINITIVAMENTE NEL CODICE PENALE IL REATO DI OMICIDIO E LESIONI SUL LAVORO

Oggi è una giornata importante. Per Luana, per Diego, per Emiliano, per Issam e per tutte le persone che hanno perso la vita a lavoro. Quelle che abitualmente chiamiamo morti bianche, ma non c’è nulla di bianco in una morte sul lavoro. Sono morti sporche, anzi sporchissime. Negli ultimi 5 anni in Italia oltre 4 mila lavoratrici e lavoratori sono … Leggi

RIFONDAZIONE: BASTA MORTI SUL LAVORO! RIFONDAZIONE COMUNISTA SARÀ IN PIAZZA CON I LAVORATORI CONTRO LA STRAGE INFINITA

RIFONDAZIONE: BASTA MORTI SUL LAVORO! RIFONDAZIONE COMUNISTA SARÀ IN PIAZZA CON I LAVORATORI CONTRO LA STRAGE INFINITA Basta morti sul lavoro! Con questa parola d’ordine e per “chiedere con forza provvedimenti rapidi e drastici in grado davvero di garantire la sicurezza e la dignità dei lavoratori.” è stata lanciata da Fillea-Cgil. Filca-Cisl e Fenea-Uil la manifestazione nazionale che si terrà … Leggi

RIFONDAZIONE: BASTA MORTI SUL LAVORO, SI FERMI QUESTA STRAGE!

RIFONDAZIONE: BASTA MORTI SUL LAVORO, SI FERMI QUESTA STRAGE! Ancora morti sul lavoro, è notizia di oggi quella di due operai rispettivamente di 46 e 42 anni morti intossicati all’interno del Campus dell’università Humanitas di Pieve (MI) mentre stavano caricando una cisterna di azoto liquido utilizzato nei laboratori dell’ateneo e per alimentare l’impianto antincendio. Per i due lavoratori, che erano … Leggi

ACERBO/PATTA/BAGGI – RIFONDAZIONE COMUNISTA: ANCORA UN MORTO SUL LAVORO, SI FERMI QUESTA STRAGE. POTENZIARE I CONTROLLI SUBITO.

ACERBO/PATTA/BAGGI – RIFONDAZIONE COMUNISTA: ANCORA UN MORTO SUL LAVORO, SI FERMI QUESTA STRAGE. POTENZIARE I CONTROLLI SUBITO. L’orrore, il dolore e la rabbia per la morte atroce di Luana D’Orazio hanno riacceso l’attenzione sulla strage quotidiana sui luoghi di lavoro. Nel giorno in cui la procura di Prato apre un’inchiesta sulla morte della giovane operaia di Pistoia, questa mattina un … Leggi

MORTO SUL LAVORO…UN ALTRO…

Un giovane di 20 anni di origine indiana. E’ il 44° #morto sul #lavoro dall’inizio dell’anno, schiacciato contro un muro da un tir in un’azienda #logistica di #Tavazzano (#Lodi). Una morte che lascia senza fiato e senza parole: tante ne abbiamo dette e gridate senza riuscire a fermare quest’ orribile #strage. Abbiamo indicato spesso le misure legislative e amministrative che potrebbero porre un argine a questa tragedia, ma … Leggi

Cassino: Ennesimo morto sul Lavoro: si fermi questa Strage!

In merito alla tragica morte di un lavoratore di 40 anni nello stabilimento della FCA di Cassino –  Antonello Patta – Responsabile nazionale Lavoro Prc/SE ha dichiarato quanto segue: «La morte del 40enne Fabrizio  Pontecorvo nella FCA di Cassino è l’ennesimo atto della guerra dichiarata al lavoro e alle sue tutele in nome della massimizzazione dei profitti. Oramai in Italia … Leggi

Antonello Patta e Roberta Fantozzi:«Sostegno allo sciopero e partecipazione al presidio dei lavoratori dei trasporti»

COMUNICATO STAMPA Il Partito della Rifondazione Comunista è stato al fianco, con i suoi iscritti, dei lavoratori della Lombardia che in molte aziende si sono mobilitati spontaneamente in risposta all’uccisione durante un presidio di Abdesselem El Danaf, operaio e padre di cinque figli, sindacalista di USB, che si batteva per i diritti dei lavoratori. Si batteva soprattutto contro l’estrema precarietà … Leggi

Continuiamo a chiedere verità e giustizia per Abdesselem El Danaf.

Che si possa morire durante un presidio sindacale, oggi, in Italia, è qualcosa di talmente enorme che deve continuare a interrogare il paese e la coscienza di tutti sul livello di imbarbarimento raggiunto nelle relazioni sociali e nei rapporti di lavoro. Dovrebbe portare a chiedere non solo verità e giustizia per Abdesselem, ma per tutti coloro che sono costretti ad … Leggi