BAGGI/SPADA (PRC-SE): CONCOREZZO (MB) – RSA VILLA TERUZZI, CONTAGI COVID19: SALE A 10 IL NUMERO DEI DECEDUTI.

BAGGI/SPADA (PRC-SE): CONCOREZZO (MB) – RSA VILLA TERUZZI, CONTAGI COVID19: SALE A 10 IL NUMERO DEI DECEDUTI

PERICOLOSO FOCOLAIO A CONCOREZZO (MB)

Concorezzo (MB) – RSA Villa Teruzzi, contagi covid19: sale a 10 il numero dei deceduti. In riferimento ai casi di positività Covid alla RSA Villa Teruzzi, la cooperativa Coopselios che gestisce la struttura ha proceduto nei giorni scorsi con la programmazione dei tamponi agli ospiti e agli operatori.

Martedì 13 ottobre sono stati eseguiti i tamponi al personale in servizio presso la struttura gestita da Coopselios. Su 49 operatori sono complessivamente positivi al tampone 20 lavoratori (compresi i 9 già a casa con le analisi effettuate in modo autonomo).

Nei prossimi giorni è prevista l’esecuzione del tampone ai 6 operatori che non hanno potuto effettuare l’analisi martedì. Da ieri sono decedute due ospiti (positive al tampone) con gravi patologie pregresse.

Da inizio ottobre gli ospiti deceduti sono stati in totale 10, 8 dei quali con tampone positivo. In questo momento gli anziani presenti in struttura sono 34, di cui 31 positivi al tampone e 3 negativi. Sono inoltre ricoverati in ospedale due ospiti (positivi).

Questo fatto gravissimo non fa che confermare come, anche la situazione nel nostro territorio stia peggiorando rapidamente.

Stiamo assistendo a un aumento vertiginoso di contagi in tutta la Provincia, come nel resto d’Italia.

Le responsabilità, dell’aggravarsi della situazione è dei nostri amministratori, in primis della Regione Lombardia.

Negli ultimi anni la Regione, a guida leghista ha pesantemente ridimensionato i servizi sanitari nel territorio. Sono stati pesantemente ridimensionati gli ospedali. Gli stessi medici di base, come da loro stessi denunciato, sono stati lasciati soli ad affrontare questa grave situazione.

Il grave è che si continua sulla stessa strada, si sono sprecati i mesi estivi, cullandosi nella colpevole convinzione che tutto fosse passato e bastava aspettare il famoso vaccino anticovid per tornare alla normalità.

Non si sono potenziati i servizi sanitari sparsi sul territorio, gli unici a detta di tutti gli esperti, in grado di tenere la situazione sotto controllo, addirittura la Regione è, come denunciato dagli stessi medici di base, in criminale ritardo nel reperimento dei vaccini antinfluenzali, importantissimi in questa fase per non aggravare la già pesante situazione negli ospedali.

Di questo peggioramento porta grandi responsabilità anche il Governo Conte, il quale sotto le pressanti richieste del mondo imprenditoriale ha colpevolmente riaperto anche settori non vitali per la nostra economia.
Ma soprattutto, ha pesato negativamente, la campagna mediatica ben orchestrata da alcuni settori economici che tendeva a minimizzare la pericolosità del virus.

Le televisioni e i giornali sono stati invasi da pseudo esperti e giornalisti che ridicolizzavano gli allarmi e le stesse misure di prevenzione, con il risultato di creare confusione tra le persone che hanno di conseguenza sottovalutato i pericoli.

La responsabilità è di chi tutti i giorni in televisione critica le misure di prevenzione come inutili e dannose all’economia e di chi non ha minimamente organizzato un sistema sanitario per individuare i focolai e isolarli.

Basta con questi politci incapaci. Commissariamo subito la sanità Lombarda.

Monza 16/10/20

Fabrizio Baggi – segretario regionale Lombardia

Angelo Spada – segretario federazione di Monza e Brianza

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea