CREMA – PRC: SIAMO FERMAMENTE CONTRARI A REALIZZARE AL KENNEDY UN REPARTO COVID PER MALATI DIMESSI MA NON ANCORA GUARITI.

CREMA – PRC: SIAMO FERMAMENTE CONTRARI A REALIZZARE AL KENNEDY UN REPARTO COVID PER MALATI DIMESSI MA NON ANCORA GUARITI.

L’Amministrazione Comunale di Crema, secondo la stampa locale, avrebbe dato il via libera al Consiglio di Amministrazione della Fondazione Benefattori Cremaschi alla realizzazione di un reparto per malati #Covid19 dimessi dall’ospedale e non ancora guariti.

E’ ovvio che come #RifondazioneComunista siamo sensibili nei confronti di coloro che soffrono e che muoiono per questo maledetto virus; in questi giorni anche noi piangiamo nostri compagni che ci hanno lasciati e pensiamo continuamente ad altri che, ricoverati, speriamo riescano a superare questa terribile malattia.

Condividiamo il fatto che gli ammalati debbano essere curati vicino a casa, ai loro affetti, per questo abbiamo sostenuto la necessità di utilizzare strutture attualmente chiuse, come ad esempio il Palace Hotel, riconvertendole in reparti di degenza post ospedaliera.
Concordiamo con le riflessioni dei segretari provinciali di #CGIL e #CISL, che hanno dichiarato “Nessuna casa di riposo è ora in grado di attivare un polo covid. Non c’è il personale, non ci sono i dispositivi di protezione”.
A fronte al fatto che nella Casa di Riposo di via Zurla sono deceduti, finora, 66 ospiti (rispetto ai 58 decessi avvenuti in tutto il 2019) e che 14 persone sono decedute presso l’ex Kennedy, il Consiglio d’Amministrazione dovrebbe preoccuparsi di isolare gli ospiti attualmente positivi al covid, in quanto all’interno della #RSA, che andrebbe sanificata, non esistono spazi per separare i contagiati dagli altri, rischiando così ulteriori inaccettabili morti.

Siamo in presenza di una vera e propria strage dei nostri anziani, ai quali viene negato l’accesso al pronto soccorso e all’ospedale, lasciandoli morire nei loro letti, con operatori decimati dal virus o in quarantena, non abituati ad operare in una situazione come questa,non in grado di affrontare una epidemia complessa, senza adeguati strumenti, senza la possibilità di isolare i contagiati, senza la capacità di fare diagnosi e praticare cure tempestive e efficaci, senza la possibilità di attuare terapie intensive.

E’ evidente a tutti che il virus è stato introdotto, inconsapevolmente, dagli operatoti, essendo stato immediatamente vietato l’ingresso nella RSA ai parenti.
Il Presidente Uneba, Luca Degani, ha denunciato pubblicamente le morti avvenute nelle RSA regionali, le inadempienze e gli errori di una gestione regionale irresponsabile.I 60.000 ospiti delle RSA rischiano di morire come mosche, lontano dai loro cari e senza cure adeguate.
E’ quello che è successo alla Borromea di Mediglia, alla Residenza Anni Azzurri di Lambrate, al Polo geriatrico e riabilitativo di via San Faustino a Milano,alla Santa Chiara di Lodi, alla RSA di Casalmorano, alla RSA di Vimercate, alla RSA Cremona Solidale, alla Cecilia Caccia di Gandino, a villa Padovani di Quinzano d’Oglio e via proseguendo.
Stiamo perdendo una intera generazione, i numeri dei decessi e dei positivi è un vero e proprio bollettino di guerra. Salviamo i nostri anziani.

Per la Segreteria cremasca del PRC
Andrea SerenaPiergiuseppe Bettenzoli
Partito della Rifondazione Comunista Crema e Cremasco