RIFONDAZIONE: INACCETTABILE DIRETTIVA LAMORGESE

RIFONDAZIONE: INACCETTABILE DIRETTIVA LAMORGESE

Il governo – tra gli applausi dei sindaci della destra economica come Sala – sancisce che lo shopping viene prima della democrazia. L’articolo 17 della Costituzione viene calpestato con disinvoltura. Ricordiamo che questa visione del primato dell’economia ha già fatto danni enormi rallentando l’adozione di misure per il contenimento del contagio. Pur di non fermare Bergamo, Milano e le fabbriche della Lombardia non si garanti la preminenza costituzionale del diritto alla salute. La direttiva della ministra Lamorgese è inaccettabile e non a caso si riaggancia a un precedente indirizzo del ministro leghista Maroni.

Si tratta dell’ennesima conferma che questo è un governo di destra liberista e anticostituzionale. Non accettiamo limitazioni alle libertà costituzionali non motivate da oggettive ragioni sanitarie. I novax sono una scusa.

Per quanto possano esserci antipatici non vi sono ragioni per impedirgli di manifestare e soprattutto per imporre divieti e limitazioni a tutte/i.

Una simile limitazione delle libertà costituzionali non ci fu neanche negli anni delle stragi e della strategia della tensione. Invece di sciogliere i gruppi neofascisti il governo usa i novax per limitare e rendere invisibile la protesta sociale.

Maurizio Acerbo , segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea