Proteggiamo le persone, non il sistema! Cambiamo la politica immediatamente

Il documento del Partito della Sinistra Europea

La diffusione del virus COVID-19 è precipitata in una profonda crisi globale. È uno shock per tutta l’umanità che ha anche pesanti effetti sull’economia. Sono state adottate misure drastiche in quasi tutti i paesi per prevenire la contrazione e contenere la pandemia. In effetti, ogni sforzo è necessario per proteggere le persone. Queste misure devono essere coordinate, ma manca una risposta globale.

Questo vale anche per l’UE, che non è assolutamente in grado di promuovere la solidarietà. L’Italia, il Paese più colpito, è rimasta sola. Ora, un paese dopo l’altro sta adottando misure drastiche, ma non esiste un coordinamento efficace da parte delle istituzioni europee. Alla fine, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato di proporre l’attivazione della clausola generale di sospensione del patto di stabilità e la crescita al fine di consentire misure di bilancio per combattere la crisi. Questo non è abbastanza. Ciò dovrebbe essere seguito dalla totale cancellazione del Patto, che è stato utilizzato per imporre l’austerità alla spesa pubblica, minando in tal modo l’assistenza sanitaria ed altri servizi pubblici a scapito delle persone, che ora ne soffrono nella crisi del Corona.

Sono necessari ulteriori sforzi per contrastare l’impatto economico e sociale del coronavirus. Ciò riguarda anche la Banca Centrale Europea (BCE) che deve assumersi la sua responsabilità per lo sviluppo economico e la piena occupazione e deve prendere ogni misura per evitare speculazioni finanziarie. Bisogna garantire il coordinamento delle azioni nazionali e l’istituzione di un forte sistema di solidarietà per la gestione della crisi del coronavirus.

Le persone devono essere protette, socialmente ed economicamente. Migliaia di lavoratori e lavoratrici, come impiegati ed impiegate sono a rischio di perdere il lavoro e il reddito. I più colpiti sono quelli che lavorano in condizioni precarie, in particolare il personale delle pulizie e gli operatori sanitari. Il virus colpisce più duramente i più deboli. Mentre i governi di tutta Europa chiedono ai dipendenti di lavorare da casa, ciò non vale per tutti. I lavoratori dei servizi essenziali o delle linee di produzione essenziali che devono essere presenti sul posto di lavoro hanno bisogno di una protezione adeguata dalla diffusione del virus. Molte persone temono per la loro salute e la loro esistenza professionale. Abbiamo bisogno di un piano di salvataggio economico per i lavoratori e le loro famiglie. In caso di perdita di reddito, è necessaria una compensazione finanziaria. Coloro che non possono, non dovrebbero pagare affitti o mutui. Ci opponiamo a qualsiasi tentativo di peggiorare le condizioni di lavoro come la sospensione dei contratti collettivi e di limitare i diritti dei lavoratori. Abbiamo bisogno di azioni di emergenza non solo per le imprese, ma in particolare per le piccole e medie imprese, i lavoratori autonomi e le persone. Questo non è solo un compito per l’Europa ma per il mondo intero. I paesi del sud del mondo hanno bisogno di un sostegno finanziario per proteggere le loro persone e migliorare i loro sistemi sanitari.

La pandemia di coronavirus mostra chiaramente il fallimento del modello economico e sociale neoliberista predominante. Come conseguenza della politica di austerità neoliberista attraverso la privatizzazione dei servizi pubblici, i sistemi sanitari non corrispondono ai requisiti posti dalla pandemia di coronavirus. Le capacità non sono di gran lunga sufficienti. È necessario ogni sforzo per aumentare il funzionamento dei sistemi sanitari. Le politiche di austerità devono finire. La crisi fornisce ragioni sufficienti per mettere in discussione il nostro modello socioeconomico e cambiare radicalmente la politica.

Come misura immediata abbiamo bisogno di maggiori investimenti nei servizi pubblici. Ancora, la giustizia fiscale è indispensabile per costruire sistemi di welfare in grado di affrontare una crisi come questa. Inoltre, la BCE deve finanziare un piano di investimenti europeo, in grado di rilanciare l’occupazione e garantire la riconversione ambientale e sociale della produzione e dell’economia. Allo stesso tempo deve essere annullata qualsiasi discussione sul Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), che rappresenta un modo inutile e dannoso di intervenire sui bilanci pubblici dei vari paesi europei,.

A lungo termine, abbiamo bisogno di un cambiamento generale di politica. Abbiamo bisogno di un modello economico orientato al benessere pubblico. L’immensa accumulazione di capitale da parte di pochi deve essere fermata. Per la maggioranza, non per i pochi!

Sappiamo che sono necessarie misure molto severe per contenere la pandemia. Ma dobbiamo essere vigili e opporci a usare questa situazione particolare per ridurre la democrazia e i diritti civili.

La Sinistra Europea respinge fermamente ogni tentativo di abuso della pandemia da coronavirus da parte della demagogia nazionalista. Il mondo deve stare insieme adesso e la chiave per superare la crisi è la solidarietà internazionale. È necessaria una crescente solidarietà nei confronti delle popolazioni del Medio Oriente, Africa, Asia e America Latina, che sono molto più a rischio di essere gravemente colpite dalla pandemia COVID-19.

La Sinistra Europea vuole associare tutte le organizzazioni che partecipano al Forum europeo delle forze di sinistra, progressiste ed ecologiche per lavorare insieme su una risposta progressiva all’attuale crisi nell’interesse dei popoli.

Bruxelles, 30-3-2020

https://www.european-left.org/protect-the-people-not-the-system/