ANCHE QUEST’ANNO SIAMO STATI PRESENTI ALLA FESTA DO AVANTE ‘

ANCHE QUEST’ANNO SIAMO STATI PRESENTI ALLA FESTA DO AVANTE ‘

di Carlo Rutigliano

Due considerazioni:

  1. Questa edizione della Festa in atmosfera post pandemica è stata fortissimamente voluta e difesa dal Partito Comunista Portoghese , con l’intento di contrastare l’uso della pandemia teso a  limitare i diritti  e la libertà di associazione e per respingere  gli attacchi della destra che ha, fra l’altro, organizzato anche un corteo  funebre intorno all’area, tabelloni 6×3 davanti agli ingressi, etc.
    Il Ministero della Sanità ha da subito autorizzato la Festa con tutte le precauzioni del caso a partire dalla limitazione degli ingressi a 16.000 giornalieri ovvero UN DECIMO delle entrate DEGLI ALTRI ANNI..I Compagni dell’ Organizzazione hanno verificato istante per istante l’osservanza delle norme, estremamente preoccupati della presenza delle televisioni,degli ispettori sanitari ed eventuali provocatori.Malgrado ciò i partecipanti si sono goduti i dibattiti, gli stand ed i concerti.
  2. Mai come quest’anno è stato importante per noi esserci. Esprimere la nostra solidarieta internazionale ai Compagni del Pcp, in modo concreto con la nostra Delegazione politica e con i 14 compagni che come tutti gli anni sono venuti, a spese loro, a  lavorare allo stand risto-bar e politico, è stato motivo di orgoglio per noi e di grande apprezzamento da parte del Pcp. Anche perché quest’anno allo Spazio Internazionale dei Partiti nel mondo invece dei soliti 60 c’erano solo 15 stand  e noi eravamo gli unici italiani. Quest’anno per la prima volta abbiamo partecipato ad un dibattito con l’ottimo intervento del Compagno Andrea Ferroni, favorendo il crescere di un  rapporto e confronto in modo più continuo, nella ricchezza di posizioni, oltre all’appuntamento annuale della Festa. Certo che, dopo aver partecipato x 11 anni alla Festa do Avante con presenze oceaniche, vedere centellinare gli ingressi, non concludere ogni giornata con i fuochi d’artificio, non sentire la musica della Carvalhesa a conclusione del comizio di chiusura, non vederla ballare da decine di migliaia di persone, dai bambini ai nonni ci ha stretto un po’ il cuore. Ci siamo però ripromessi di tornarci di nuovo l’anno prossimo per festeggiare con le Compagne ed i Compagni portoghesi i 100 anni del PCP, primato invidiabile di pochi partiti nel mondo. Un grande grazie ad Andrea Ferroni ed ai compagni dell’organico delli stand(giovani e diversamente giovani) per aver vissuto insieme questa esperienza. Un invito a tutte e tutti a godersi un lungo week end di inizio settembre 2021 alla Festa do Avante… ne varrà veramente la pena. Nao ha Festa como esta. A luta continua!