Finalpia, Rifondazione: ‘nessun nuovo cda. Bonaldi assuma funzione commissariale’

Finalpia, Rifondazione: ‘nessun nuovo cda. Bonaldi assuma funzione commissariale’

articolo tratto da www.cremaonline.it

“Invitiamo il sindaco a non nominare un nuovo cda, ma ad assumere lei stessa la funzione commissariale per affrontare le problematiche che rischiano di portare al fallimento. Deve essere salvaguardato il patrimonio della nostra comunità”. A scriverlo è Piergiuseppe Bettenzoli, segretario cittadino di Rifondazione comunista, dopo le dimissioni presentate da Pierpaolo Soffientini e da tutto il cda della Fondazione Opera pia marina e climartica cremasca.  “La nomina di un nuovo consiglio – continua – dovrà competere alla futura amministrazione. La perdita di Finalpia oggi avrebbe un responsabile con un nome e cognome chiari: Stefania Bonaldi”.

‘Serve un miracolo’

Quanto alla richiesta del sindaco di collaborazione tra le varie forze politiche, “arriva a tempo scaduto: sarà difficile, per non dire impossibile, trovare una soluzione ad una situazione creata da un consiglio di amministrazione nominato e confermato nell’ottobre 2016 dalla stessa sindaca. Noi avevamo chiesto di revocare l’intero cdagià nel luglio del 2020 perché aveva fallito nella sua mission”. Il sindaco aveva preferito sostituire alcuni componenti. Spicca la nomina di Gianfranco Ervin “in sostituzione del dimissionario Camillo Cugini. I pericoli da noi più volte denunciati si stanno purtroppo concretizzando e ormai sarà difficile costituire un consiglio d’amministrazione in grado di compiere un autentico miracolo. La situazione andava affrontata a tempo debito, avendo come unico obiettivo quello di far tornare l’ex colonia di Finalpia nella piena disponibilità dei cremaschi”