28 SETTEMBRE:LA GIORNATA DEL LIBERO ABORTO E DELLA LIBERA CONTRACCEZIONE

LA GIUNTA LEGHISTA DELLA LOMBARDIA , IN PERFETTA CONTINUITA’ CON FORMIGONI, SI STA DISTINGUENDO PER LA CRUDELE E PERVICACE MISOGINIA CON CUI ORGANICAMENTE RENDE INEFFICACE IL PRINCIPIO DI AUTODETERMINAZIONE DELLE DONNE,A PARTIRE DAL DECIDERE SE ESSERE O NO MADRI E DI CONSEGUENZA AVERE LIBERO E GRATUITO ACCESSO ALL’ABORTO E ALLA CONTRACCEZIONE.

UNA LEGGE NAZIONALE GARANTISCE QUESTA FACOLTA’,LA LEGGE 194, GIA’ SOTTOPOSTA A REFERENDUM  DALLE FORZE CLERICOFASCISTE E DIFESA DA UN GRANDE VOTO POPOLARE. QUESTA LEGGE IN  LOMBARDIA VIENE IN REALTA’ INAPPLICATA ,PROPRIO DA QUEL SISTEMA SANITARIO « AVANZATO E MODERNO « CHE MARONI AFFERMA ESISTERE GRAZIE AL CENTRO-DESTRA.

L’ALTO NUMERO DI DOTTORI OBIETTORI DI COSCIENZA FA IN MODO CHE NELLA MAGGIOR PARTE DEGLI OSPEDALI NON SI POSSA PRATICARE NESSUNA IVG , A QUESTO SI AGGIUNGE LA OBIEZIONE DI COSCIENZA DEI FAMACISTI ALLA VENDITA DELLA PILLOLA DEL GIORNO DOPO GLI OSTACOLI ,L’OBBLIGO DEL RICOVERO PER L’ABORTO FARMACOLOGICO,LA CHIUSURA DEI CONSULTORI E LA INADEMPIENZA DI QUELLI ESISTENTI RISPETTO ALLE LORO FUNZIONI.

ANCHE QUESTA E’ UNA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CHE IMPEDISCE LORO DI DECIDERE DELLA PROPRIA VITA.UNA VIOLENZA ISTITUZIONALE .

PER DENUNCIARLA E RIMUOVERLA CI TROVIAMO GIOVEDI’ 28 SETTEMBRE  ALLE 18,30 DAVANTI ALLA REGIONE LOMBARDIA ,ADERENDO ALLA MOBILITAZIONE INDETTA DA «NON UNA DI MENO «, E ALLE SUA PIATTAFORMA .

GIOVANNA CAPELLI

SEGRETERIA REGIONALE PRC/SE_ LOMBARDIA