Con Moni Ovadia

Moni Ovadia ha ricevuto attacchi violenti e feroci a seguito dell’intervista che ha rilasciato alla trasmissione ”L’erba dei vicini” su Israele e questione palestinese. Consigliamo di ascoltare le sue parole chiare e nette (l’intervista la trovate qui) che evidentemente hanno dato fastidio a chi non tollera critiche alla politica israeliana.

Non possiamo che esprimere la nostra solidarietà e la nostra infinita stima a un artista, un intellettuale e un compagno come Moni Ovadia. La sua risposta agli attacchi dovrebbe far riflettere chi coltiva l’intolleranza:

“La mia partecipazione alla trasmissione “L’erba dei vicini”, ha attirato molte critiche feroci e insulti spietati da parte di chi, credendo di possedere la verità, ha deciso che io non sono degno di essere ebreo poiché non condivido la politica governativa di Israele nei confronti dei palestinesi. Non è questa la sede per esprimere le mie posizioni – peraltro note- ma per esprimere una riflessione sì: ciò che mi addolora e sconcerta quando mi lanciano maledizioni e minacce, mi augurano la morte, o si rammaricano che i miei genitori non siano morti nei Campi così non sarei nato, è che se un ebreo vuole che un altro ebreo, solo perché non la pensa come lui venga sterminato, allora la Shoah trova un osceno senso finale e i nazisti la loro piena legittimazione.”