Dopo i fatti di Lovere di sabato 28, domani il presidio alla Prefettura. Chiesto l’incontro con il Prefetto di Bergamo.

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa della Segreteria Provinciale del Prc/SE di Bergamo in merito ai gravi fatti accaduti a Lovere il 28 maggio ed al presidio che si terrà domani 31 maggio 2016 alle ore 18:30 davanti alla prefettura di Bergamo per il quale invitiamo alla massima partecipazione.

 

Comunicato stampa:
 
 
Dopo i fatti di Lovere di sabato 28, domani il presidio alla Prefettura.
Chiesto l’incontro con il Prefetto di Bergamo
Crescono in queste ore le prese di posizione da tutta la provincia e da tutta l’Italia contro la gestione dell’ordine pubblico a Lovere, dove sabato 28 maggio è stata autorizzata e scortata una manifestazione fascista al termine della quale la polizia ha picchiato a freddo e senza alcuna giustificazione gli antifascisti che protestavano. (cfr. anche il nostro comunicato di ieri)
E crescono gli attestati di solidarietà verso i compagni aggrediti, come Francesco Macario, segretario provinciale del partito della Rifondazione Comunista e già assessore al Comune di Bergamo, il pensionato della Valcamonica e il giovane lavoratore della Valcavallina, che hanno dovuto ricorrere alle cure dell’ospedale con prognosi di varia gravità.
Dal pomeriggio di oggi è all’attenzione del Prefetto di Bergamo la richiesta di un incontro (per le 18.30 di domani) con una delegazione del Partito della Rifondazione Comunista nonché delle forze e associazioni che hanno partecipato e sostenuto la mobilitazione contro le parate fasciste di Lovere e Rovetta.
Ricordiamo che il presidio antifascista si terrà dalle ore 18.30 di domani, martedì 31 maggio, davanti alla Prefettura di Bergamo (via Tasso). Hanno comunicato la loro adesione, tra gli altri, Comitato Antifascista Bergamasco, Arci, Possibile, numerose sezioni dell’Anpi, diverse associazioni e collettivi antifascisti di base.
Bergamo, 30.05.16
La segreteria provinciale Prc-Se