CORRADINI (GC-LOMBARDIA) ANNULLATA MANIFESTAZIONE GC DI SABATO 17 A MILANO.

CORRADINI (GC-LOMBARDIA) ANNULLATA MANIFESTAZIONE GC DI SABATO 17 A MILANO.

Comunichiamo che, a causa della crescita vertiginosa dei casi di persone positive al Sars-Cov 2, abbiamo deciso di rimandare a data da destinarsi la manifestazione #Fontanadimettiti, programmata a Milano, in piazza San Babila il giorno 17 ottobre alle ore 17:30. Al suo posto, terremo un flashmob (sempre in piazza San Babila), di dimensioni contenute, per esprimere il nostro dissenso nei confronti della gestione della pandemia da parte della Regione.

Tuttavia, ci sentiamo in dovere di ribadire che l’annullamento dell’evento è dovuto, oltre che alla nostra responsabilità, anche, e soprattutto, alla scarsa serietà dimostrata dalla Regione nell’affrontare questa pandemia.

Osserviamo infatti come sia stata tardiva l’applicazione di restrizioni anti-Covid, per quanto la regione potesse fare. I trasporti, infatti, sono e sono stati luoghi di facile contagio, dove le persone hanno spesso distanze inferiori al metro, nonostante le disposizioni. Questo può essere dettato anche dalla volontà del singolo, ma soprattutto da questioni di obbligo, come il dover presentarsi a scuola nello stesso orario.

Noi studenti siamo la fascia più sensibile al contagio, che poi può trasferirsi alle famiglie dove possono esserci casi di fragilità (non scordiamo i quasi 4 milioni di persone a rischio contro i quasi 3 milioni di dosi di vaccini antinfluenzali messi a disposizione dalla regione, condannando così 1 milione di over 65 e malati a dover rischiare ancora di più l’insorgenza di complicazioni).

Anche per la questione sport ci sentiamo di rimarcare il fatto che come sono state vietate le attività amatoriali di sport di contatto, debbano anche essere chiusi gli stadi, dove potrebbero aver luogo ulteriori infezioni. Inoltre ci sembra scandalosa tutta questa libertà di movimento quando ci sono 7000-8000 casi giornalieri a livello nazionale e quasi 2000 a livello regionale.

Questo si traduce nel fatto che per la giunta è più importante il guadagno che l’incolumità dei suoi abitanti. Questo comunicato vuole criticare la gestione della regione da parte della Giunta Fontana in tutti i suoi punti e riteniamo doveroso e legittimo protestare contro tutto ciò che ha fatto. Vogliamo che venga data priorità all’incolumità ai cittadini, perché questo virus non è assolutamente uno scherzo. Ma, soprattutto, vogliamo che venga commissariata la Lombardia.

Milano, 16/10/2020

Francesco Corradini
Referente Giovani Comuniste/i Lombardia