Corte Palasio (LO): Rifondazione Comunista fa rimuovere una bandiera della Repubblica di Salò esposta sulla pubblica via in una cascina.

Rifondazione Comunista fa rimuovere una bandiera della Repubblica di Salò esposta sulla pubblica via in una cascina di Corte Palasio (LO).

Succede in un piccolo paese del lodigiano, Corte Palasio. Succede che al balcone di una cascina in via bosco, alla fine del paese, appaia una bandiera della Repubblica di Salò.

È un piccolo paese Corte Palasio, non c’è molto passaggio in quella via, eppure quella bandiera non passa inosservata. Qualcuno la nota e ci avvisa, quel lugubre drappo non può lasciare indifferente nessun sincero democratico.

Facciamo una rapida verifica, constatiamo che quello che ci hanno segnalato è vero, che la cascina è chiusa, apparentemente disabitata, e ci attiviamo.

Abbiamo denunciato il fatto alla questura di Lodi,  chiedendo la rimozione della bandiera ai sensi delle leggi Scelba e Mancino, scriveremo al sindaco di Corte Palasio chiedendo il suo intervento presso il proprietario dello stabile, denunceremo pubblicamente il fatto.

È grave che si esponga un simbolo fascista, è un insulto alla nostra Costituzione Antifascista nata dalla Resistenza, è uno schiaffo ai martiri della Libertà, ai loro parenti ancora vivi, alla loro Memoria. Lo è ancora di più se pensiamo che tra pochi giorni, il 22 agosto, Lodi ricorderà ed onorera’ ancora una volta i cinque martiri del poligono, uccisi 75 anni fa da chi quella bandiera serviva.
Oreste Garati, Ludovico Guarnieri, Ettore Madde’, Franco Moretti, Giancarlo Sabbioni ci chiedono di non restare indifferenti. Noi chiediamo che quella bandiera che dopo la nostra denuncia è stata immediatamente fatta rimuovere dalla digos non venga mai più esposta, e che ogni coscienza democratica, ogni antifascista si unisca a noi in questa battaglia a cfavore dei valori della Democrazia e della Libertà.

Rinnoviamo tutto il nostro impegno nell alotta ai rigurgiti neofascisti e continueremo a vigilare sul territorio.

Lodi, 07 agosto 2019

La Segreteria Provinciale Prc/SE Lodi.