No alla TAV in Val di Susa, No all’arresto di Nicoletta Dosio

No alla TAV in Val di Susa, No all’arresto di Nicoletta Dosio

La Presidenza del Partito della Sinistra Europea esprime ferma riprovazione per l’arresto della compagna Nicoletta Dosio, storica esponente NOTAV della Valsusa in Italia, per aver partecipato a una manifestazione dimostrativa, pacifica contro la realizzazione della linea di alta velocità Torino -Lione nel lontano 2012.

Sono centinaia e centinaia le persone che nel corso degli anni sono state a vario titolo denunciate, arrestate, sottoposte a provvedimenti restrittivi per aver partecipato a momenti di protesta contro una tratta di AV inutile, costosissima oltre che ad altissimo impatto ambientale. Una strategia repressiva che ha superato ogni parvenza di liceità e cercato di trasformare una questione politica in un problema di ordine pubblico. Una strategia repressiva che ha trasformato il progetto di realizzazione di una mega opera, motivata da stime e previsioni di traffico infondate, in una impresa economica e militare di sottomissione violenta di un intero territorio.

Nel condividere le ragioni che nella giornata di oggi porteranno in piazza a Torino decine di migliaia di persone a protestare contro l’arresto di Nicoletta Dosio e di altri attivisti NOTAV, la Presidenza del Partito della Sinistra Europea si impegna a portare avanti in tutte le sedi un’azione volta alla rimessa in libertà di tutti i NOTAV ingiustamente arrestati. Si impegna altresì nel portare avanti un’azione a livello europeo di messa in discussione dell’intero progetto di AV Torino Lione a favore di un progetto di modernizzazione e velocizzazione della tratta ferroviaria già in essere tra Torino e Lione.

Per il Partito della Sinistra Europea

Heinz Bierbaum – Presidente

Paolo Ferrero – Vicepresidente