Rifondazione: giustizia per Stefano Cucchi, depistaggio fallito grazie a sua sorella Ilaria e ai genitori

Rifondazione: giustizia per Stefano Cucchi, depistaggio fallito grazie a sua sorella Ilaria e ai genitori

La sentenza di appello ha confermato la condanna per i due carabinieri che uccisero Stefano Cucchi. Con una pena più severa. Una sentenza definitiva nel merito che sancisce che quello di Stefano fu omicidio di Stato, figlio di legislazione proibizionista e di atteggiamento di impunità ed immunità da parte di funzionari dello Stato.

Come in tanti omicidi che si sono susseguiti in questi anni, questa volta il depistaggio, pur tentato, non è riuscito a nascondere il delitto.

Merito straordinario va alla ostinazione civile e costituzionale di Ilaria, dei suoi splendidi genitori, dell’avv. Anselmo. Persone il cui coraggio ci ha commosso.

Vanno anche ringraziate tante compagne e compagni che hanno osato andare controcorrente. 

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale

Giovanni Russo Spena, Responsabile area  Democrazia, diritti, istituzioni

Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea

Foto Daniele Leone / LaPresse 03/11/2014 Roma, Italia Cronaca Ilaria Cucchi e i genitori in sit-in davanti al Palazzo di Giustizia di Roma con le foto di Stefano Cucchi morto dopo un arresto cinque anni fa, si recano alla procura di Roma