RIFONDAZIONE: UN ALTRO BUCO DELLA SANITÀ LOMBARDA: UN QUINTO DEI TAMPONI MOLECOLARI PROCESSATI IN CAMPANIA DA UN CENTRO PRIVATO

RIFONDAZIONE: UN ALTRO BUCO DELLA SANITÀ LOMBARDA: UN QUINTO DEI TAMPONI MOLECOLARI PROCESSATI IN CAMPANIA DA UN CENTRO PRIVATO

Nel totale caos in cui versa la sanità lombarda ogni giorno emergono falle, disattenzioni, pressapochismo e prove di una totale mancanza di programmazione e di una visione strategica di ciò che compete ad una sanità pubblica.

Il caso delle analisi dei tamponi è emblematico.

A parte l’assurdità di tamponi spediti in aereo a Napoli, nella sede di Ames a Casalnuovo, nell’hinterland di Napoli, dove i tamponi si analizzano, si refertano e il risultato si carica sulla piattaforma regionale lombarda, la situazione ci sembra fortemente anomala ed emergenziale e comunque porta grand guadagni ad un centro privato.

Ma l’emergenza diventa “normalità“cui non sembra si voglia porre termine.

Sin dalla prima ondata il sistema lombardo (quindi, né la sanità pubblica né quella privata) non riuscivano a tenere il ritmo del tracciamento della diffusione dei contagi nel campo dei tamponi orofaringei e nasali. Si è quindi proceduto ad un bando europeo tramite ARIA (la centrale di acquisto della Regione Lombardia) che è stato vinto da Ames, una società napoletana con sede a Casalnuovo nell’hinterland di Napoli che a fronte di un costo medio di 40 Euro a tampone, propone il prezzo a 24 euro.  Siamo alla quarta ondata è nulla è cambiato.

Fontana e Moratti non hanno mosso un dito per cambiare questo stato di dipendenza della sanità lombarda da un centro privato a centinaia di chilometri di distanza, il cui vertice è coinvolto in una inchiesta della procura di Napoli per turbativa d’asta.

Rifondazione Comunista ritiene che la Lombardia grazie i fondi del PNR e non solo, si dovrebbe dotare al più presto in sinergia con le Università e i centri di ricerca, di una struttura pubblica capace di produrre tamponi, reagenti e di costruire un centro polidiagnostico strumentale in grado di far fronte a tutte le evenienze. Rafforziamo il sistema sanitario pubblico.  

Fabrizio Baggi, Segretario regionale

Giovanna Capelli, Responsabile regionale sanità

Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea Lombardia