RIFONDAZIONE: SOSTENIAMO LA LOTTA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI METALMECCANICI DELLA BRIANZA, CONTRO I LICENZIAMENTI E PER L’OCCUPAZIONE.

RIFONDAZIONE: SOSTENIAMO LA LOTTA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI METALMECCANICI DELLA BRIANZA, CONTRO I LICENZIAMENTI E PER L’OCCUPAZIONE.

Rifondazione Comunista sostiene la lotta delle metalmeccaniche e dei metalmeccanici della Brianza contro i licenziamenti alla Gianetti, per la tutela dell’occupazione e del tessuto produttivo del territorio messo a rischio da varie vertenze aperte. Lo sblocco dei licenziamenti sta producendo infatti, com’era prevedibile, un’accelerazione dei licenziamenti per smantellare da un lato interi stabilimenti e delocalizzare la produzione, dall’altro per sostituire lavoratori stabili con lavoratori precari.
È la conseguenza dell’aver consegnato decisioni fondamentali per l’occupazione e l’economia del paese al mercato la cui logica fondata sulla massimizzazione dei profitti non viene certo mutata da una “raccomandazione”;
E’ una scelta in linea con le politiche neoliberiste di questo e dei precedenti governi che hanno continuato a erogare valanghe di miliardi alle imprese senza piani industriali finalizzati alla salvaguardia dell’occupazione, dei salari e dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.
Occorre una ripresa delle lotte. Lo sciopero provinciale di 4 ore indetto da FIOM, FIM e UILM e la manifestazione /presidio davanti alla sede dell’amministrazione provinciale cui parteciperanno anche le delegate e i delegati di tutte le altre categorie sono un buon segnale.

Riteniamo però necessario ampliare le mobilitazioni su scala nazionale per obbligare il governo a utilizzare le risorse del recovery plan per un grande piano di riconversione ambientale delle produzioni che salvaguardi e riqualifichi le aziende in crisi, rilanci l’occupazione anche con la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario; perché l’innovazione tecnologica necessaria sia utilizzata per salvaguardare le filiere produttive e i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori

Rifondazione Comunista esprime la sua massima solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori in lotta, sostiene la mobilitazione di domani ed invita tutte e tutti alla massima partecipazione.

Antonello Patta, responsabile nazionale lavoro

Fabrizio Baggi, segretario regionale Lombardia

Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea