8 Marzo 2019. #scioperoglobale

di Giovanna Capelli.

Si sta preparando la giornata dell’Otto marzo 2019, che grazie alla iniziativa e alla proposta politica del movimento “Non Una di meno”, assume la caratteristica di “Sciopero Globale Femminista”.

Questa forma di mobilitazione ha un respiro internazionale, nasce dalla denuncia e dalla lotta contro i femminicidi in America Latina e, trovando legami e rispondenze in ogni paese, diventa analisi politica e smascheramento del sistema capitalistico e patriarcale e programma politico alternativo sul lavoro, la salute, l’istruzione, la legislazione.

Una nuova idea di mondo e di rapporti sociali.

Cosi’ l’8 Marzo vuole rappresentare questa complessità con uno sciopero della produzione e della riproduzione delle donne teso a dimostrare quanto la società senza le donne sia praticamente immobile e senza speranza.

Naturalmente questo sciopero, in quanto pratica nuova va costruita, spiegata e vissuta in uno sforzo collettivo.

Questo vuol fare l’appello di Non una di Meno a tutte le organizzazioni sindacali perché concorrano alla riuscita di questa giornata, senza assurde contrapposizioni o chiusure. ù

Rifondazione Comunista invita le compagne a contribuire al rafforzarsi, dello sciopero a partire dal luogo dove fanno politica e pratica sindacale, a moltiplicare le relazioni con “Non Una di meno”  ed a porre le premesse per una grande giornata di lotta e di opposizione al patriarcato e al neoliberismo.

Milano, 20/02/2019