Lovere (BG) – 27 maggio 2017 – La mobilitazione ha vinto. Fuori i fascisti dal Cimitero di Lovere. di Fabrizio Baggi.

Lovere (BG) 27 maggio ore 14:00, davanti al cimitero dove negli ultimi anni i fascisti erano riusciti ad infangare con le loro false e farsesche commemorazioni la memoria dei partigiani trucidati questa volta si concentra la popolazione antifascista e democratica. Da circa due mesi è stata chiamata unitariamente una mobilitazione per cercare di evitare che ancora una volta, con la … Leggi

COMO: «DOPO SETTE MESI LA SITUAZIONE “MIGRANTI” NON E’ MIGLIORATA ED IL CAMPO GOVERNATIVO NON FUNZIONA COME DOVREBBE».di Fabrizio Baggi.

A quattro mesi dall’apertura del “campo governativo “ di CRI e Prefettura la situazione che si trovano a vivere le persone che hanno scelto di utilizzarlo è tutt’altro che facile. Partendo dal presupposto che, allo stato attuale delle cose,  solo minori, donne e nuclei familiari (marito, moglie e figli) hanno la possibilità di accedervi ed  il risultato è che, dopo … Leggi

COMO SENZA FRONTIERE. di Fabrizio Baggi.

La città di Como è investita da circa due mesi dagli effetti dell’emergenza umanitaria prodotta dalle migrazioni in fuga dalle guerre. Centinaia di persone, nuclei familiari, donne, minori non accompagnati,  per sfuggire a guerre, violenza sono costretti a dimorare nel piazzale e nel parco antistante la Stazione Ferroviaria (San Giovanni) in condizioni sanitarie e materiali indegne di una condizione civile. … Leggi

Roma 14 novembre 2015 – Siamo tutte/i Nino di Matteo

 di Fabrizio Baggi e Francesca Baserga. (Foto tratta da “Il Fatto Quotidiano” del 15 novembre). Sabato 14 novembre, una delegazione del P.R.C. Lombardia, ha preso parte alla manifestazione nazionale a sostegno del P.M. Nino di Matteo indetta da “Movimento Agende Rosse” e “Scorta Civica Palermo”. Nino di Matteo, magistrato simbolo dell’inchiesta sulla trattativa stato – mafia vive da 22 anni … Leggi

Da Cantù un nuovo Antifascismo

Di Pierluigi Tavecchio e Fabrizio Baggi La minaccia neofascista in Italia, oggi, non può essere ridotta semplicemente alla crescente visibilità di gruppi come forza nuova.Siamo di fronte purtroppo ad una situazione molto più pericolosa nella quale la propaganda dell’estrema destra si intreccia con idee e comportamenti di una parte crescente della società: di questi tempi possiamo parlare di ‘fascismo diffuso’ … Leggi