BAGGI/CAPELLI/TAVECCHIO (PRC-SE): A COMO MANCANO I VACCINI ANTI INFLUENZALI. TRE AVENTI DIRITTO SU DIECI RESTANO SENZA. COMMISSARIATE LA SANITA’ LOMBARDA.

BAGGI/CAPELLI/TAVECCHIO (PRC-SE): A COMO MANCANO I VACCINI ANTI INFLUENZALI. TRE AVENTI DIRITTO SU DIECI RESTANO SENZA. COMMISSARIATE LA SANITA’ LOMBARDA.

Siamo alla fine di novembre, e la campagna antinfluenzale per tutelare le cittadine e i cittadini più a rischio che – sarebbe dovuta partire a metà ottobre – è ancora in alto mare perché, tragicamente, adesso sono finiti i vaccini.

Nella provincia di Como, ma nel resto del paese la situazione non è diversa, c’è ancora qualche decina di migliaia di persone che, per la loro età sono soggetti a rischio, che ancora non sanno se e quando verranno vaccinati – la stampa di oggi riporta infatti che 3 aventi diritto su 10 restano senza – con il rischio di vedersi arrivare i vaccini quando sarà troppo tardi perché la sostanza faccia davvero effetto.

In tutta questa situazione la sola cosa certa è che a pagamento e nelle cliniche private i vaccini sono tranquillamente disponibili.

Questo è l’ennesimo regalo che la giunta regionale lombarda fa ai privati consegnando la salute delle cittadine e dei cittadini alla logica del mercato e garantendo solo i più ricchi.

Le ingiustizie e i favoritismi attuati da Fontana, Gallera e soci, il fallimento del sistema sanitario regionale di fronte alla pandemia, ci portano ancora una volta a chiedere il commissariamento della sanità lombarda.

Non è pensabile che chi per interesse economico ha commesso così tante scelte sciagurate sia ancora al governo quando e se ci sarà da gestire la campagna di vaccinazione contro il covid19.

La salute non è una merce, la sanità non è un’azienda. Commissariate la sanità Lombarda

25/11/2020

Fabrizio Baggi – segretario regionale Lombardia

Giovanna Capelli – responsabile sanità Lombardia

Pierluigi Tavecchio – segretario provinciale Como

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea